martedì 20 giugno 2017

Pausa

Forse ve ne sarete accorti: da qualche tempo, sto vivendo un periodo che definire brutto è un eufemismo. Anche il blog riflette quello che sto vivendo: ho saltato l'appuntamento del venerdì per tre volte di fila, e oggi mi tocca farlo anche con quello del martedì. Lo faccio non perché non ho tempo e nemmeno perché non ho idee per articoli. Quelle anzi non mi mancano.

L'unica cosa di cui al momento difetto è la tranquillità a livello mentale. Sinceramente, non riesco a pensare a qualcosa di interessante riguardo alla scrittura, al blogging o alla cultura in una situazione del genere. O almeno, non con la dovuta serenità. Per questo, ho deciso di mettere Hand of Doom in pausa.

martedì 13 giugno 2017

Scrivere col senso di colpa

Sarà capitato anche a voi: vi siete seduti al computer col fermo intento di scrivere il vostro romanzo, e invece vi siete ritrovati a fare tutt'altro. Prima avete controllato Facebook, poi le email, e alla fine Wikipedia: cercavate informazioni sul codice penale italiano per integrare il romanzo e vi siete ritrovati chissà come a scorrere le genealogie degli imperatori aztechi. Una situazione tipica.

In un mondo pieno di distrazioni come quello attuale, chi frequenta abitualmente internet fa fatica a estraniarsi da tutto e a concentrarsi su qualcosa di impegnativo come la scrittura. Almeno per me è sempre stato così: fino a qualche tempo fa, scrivevo molto lento e perdevo più tempo di quanto avrei voluto a navigare sul web. Poi però, quasi per caso, ho trovato un metodo che mi ha permesso di cominciare ad aumentare di molto i miei ritmi - e sì, è una cosa seria, non una stupidaggine tipo per guadagnare millemila euro in un ora o una bufala. Un sistema basato sul senso di colpa.

martedì 6 giugno 2017

L'Isis è colpa tua

Non è mia abitudine usare la tecnica del clickbaiting - ossia usare un titolo accattivante o provocatorio per attrarre la gente sul sito e ricevere visualizzazioni. E se pensate che tra un attimo ci sia un "ma", sbagliate: nemmeno stavolta è così. Forse il titolo di questo post è effettivamente provocatorio, ma non in maniera vuota: parlo di un fatto reale e oggettivo, verificabile da chiunque.

Si può accusare chi si vuole per l'esistenza del terrorismo - e di tante altre forme di criminalità: l'immigrazione, l'ignoranza, il fanatismo religioso, l'imperialismo americano, e così via. E non è nemmeno sbagliato, in realtà: alcune di queste - anzi, quasi tutte - sono concause che hanno un contributo non indifferente. Ciò non toglie tuttavia che il principale responsabile è la società.

martedì 30 maggio 2017

Viva il romanzo di genere!

Ve ne sarete accorti anche voi: il mondo culturale italiano è pieno di contraddizioni e di assurdità in molti dei suoi campi. Ovviamente, la letteratura non fa eccezione: basta conoscerlo un po' perché vengano alla luce un mucchio di paradossi. Per esempio, perché la narrativa mainstream è considerata a un livello superiore a quella di genere, nonostante quest'ultima abbia prodotto moltissimi dei capolavori della nostra letteratura?

Senza andare a scomodare Dante (checché se ne dica, la Divina Commedia resta un poema fantasy, con accenni horror nell'Inferno), negli ultimi cinque secoli si possono citare decine di esempi. L'Orlando Furioso è un fantasy, I Promessi Sposi sono un romanzo storico, "gli antenati" di Calvino sono anch'essi fantasy, fino ad arrivare al Nome della Rosa, che per quanto i puristi possano lamentarsi resta un mix di giallo e storico.

domenica 28 maggio 2017

29

Anche quest'anno è arrivato il ventotto maggio, il mio compleanno: come sempre, per rispettare la tradizione esco dalla serie abituale di post di Hand of Doom per scrivere un breve aggiornamento. Quest'anno gli anni che compio sono ventinove.

Di solito a questo punto faccio una battuta, del tipo "sto diventando vecchio" o simili, ma quest'anno non ho nessun motivo per scherzare o essere allegro, visti i miei gravissimi problemi e visto che nessuno oggi farà qualcosa per me, nemmeno un piccolo regalo. Insomma, per me non c'è  nulla da festeggiare, e mi da quasi fastidio che questo giorno sia arrivato: vi dirò, non vedo l'ora che sia domani. Ma se volete, potete farmi gli auguri: almeno quelli sono bene accetti. Grazie.

venerdì 26 maggio 2017

L'inutilità del marketing improvvisato

Vi ricordate quando, alcuni mesi fa, ho parlato di quanto fosse importante un marketing vincente? È un'idea in cui credo profondamente, che si è formata negli anni, con il lavoro sul campo e i vari corsi che ho seguito Per un'azienda come la mia, sapersi promuovere nella maniera più efficace è fondamentale se non si vuole fallire in breve tempo.

Proprio per questa mia convinzione, con il trasloco e la conseguente riapertura della gelateria ho voluto puntare forte proprio sul marketing. Ed essendo conscio di non essere un genio in materia, ho contattato un'agenzia di promozione, con la speranza che riuscisse a far conoscere l'azienda e il suo valore in un modo in cui io non avrei mai potuto. Il risultato, a qualche mese di distanza? Un totale fallimento.

venerdì 19 maggio 2017

Death metal svedese

So cosa state pensando in questo momento, specie se siete lettori da qualche tempo: ma per quale motivo scrivere un articolo sul death metal su Hand of Doom? Non ha un sito metal per postare queste cose? Certo che ce l'ho. Ma quello di oggi non un articolo sul death metal, e anche chi non lo conosce può leggerlo senza problemi.

"Death metal svedese" è infatti di un breve racconto spiritoso che ho scritto di getto qualche giorno fa. Giusto il tempo di revisionarlo, e così eccolo qui: potete trovarlo a questo indirizzo, sul solito social network Penne Matte. Si tratta di un raccontino che prende il giro certe abitudini di alcuni scrittori, specie di quelli alle prime armi, e spero vi faccia fare qualche risata. Detto questo, al solito non mi resta che augurarvi: buona lettura!

martedì 16 maggio 2017

Blogosfera: la campagna di internet

Come credo tutti sappiano, negli ultimi anni il mondo del blogging sta perdendo appeal e consensi. La maggior parte degli utenti si è spostata sui social, e in generale sempre meno persone seguono o commentano i blog. E questi ultimi sono visti ormai come una forma di espressione obsoleta, superata dalla tecnologia.

Per questo, ciclicamente escono articoli, su un blog o sull'altro, dai toni catastrofisti. Secondo questa linea di pensiero, il fatto che non sia popolata come un qualsiasi social network dei più famosi condurrà alla fine la blogosfera all'estinzione, ed è solo questione di tempo prima che ciò accada. Ma la situazione è davvero così nera? Secondo me, assolutamente no.